Mostra ‘Aurea Crux. Sacro e mito nell’oro dei Longobardi”, 5 Giugno > 30 Settembre 2018

Elegante e ricca di storia, Cividale del Friuli sorge lungo le sponde del fiume Natisone, a poca distanza da Udine.

Le origini di questa città sono nobili e consolidate: dapprima fiorente colonia romana nel I secolo AC (elevata a forum da Giulio Cesare e da questo detta Forum Iulii), all’alba del 569 divenne il primo ducato longobardo, uno tra i più fiorenti e invidiati dell’intera regione della “Langobardia Maior”.

A testimonianza delle importanti conoscenze sul popolo longobardo emerse durante gli scavi in questa zona ed in altri comuni italiani, il 25 giugno 2011 il sito seriale “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)” è stato iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, decisione presa durante la 35a sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale e che ha portato l’Italia a quota 46 siti iscritti nella celebre Lista.

Longobardi, Cividale e Lubiana

Stanziatisi nel I secolo lungo l’alveo del fiume Elba, i Longobardi iniziarono la loro opera di migrazione verso sud-est giungendo dapprima in Pannonia, regione abitata dalle tribù dei Gepidi e degli Avari. A causa della difficile convivenza con tali etnie, essi proseguirono il loro viaggio valicando i confini italiani (allora sotto il dominio bizantino) ed insediandosi nel 568 nella città friulana di Cividale. Fin da subito, il ducato di Cividale fu oggetto di violente dispute, data la sua particolare posizione strategica che lo rendeva il perfetto trait d’union tra l’Italia e il ricco Oriente.

I longobardi ben si adattarono all’ambiente italiano, facendo proprie molto delle consuetudini proprie del territorio ospitante. Una delle più note e abbondanti testimonianze dell’arte longobarda risiede nella loro maestria nel campo orafo, segnata dalle tradizioni germaniche e dalle influenze tardo romane della provincia della Pannonia. Tra i vari reperti in lamina d’oro, le croci auree incarnano la giunzione tra il passato pagano dei Longobardi e quello cristiano di matrice italiana.

Queste croci – decorate con animali stilizzati, intricati elementi vegetali o l’Imago Christi – vennero inizialmente usate ex retaggio bizantino come applicazioni sull’abbigliamento, finendo col tempo deposte nelle sepolture a protezione del defunto, subentrando alle monete bratteate di ascendenza germanica, già utilizzate come amuleti. Queste croci rivestivano anche un’importante valenza sociale, dal momento che la deposizione delle stesse all’interno della sepoltura era destinata a personaggi abbiente ed importanti.

Nel 2012, 6 croci auree databili dal VII secolo d.C. furono rinvenute all’interno dei corredi funerari di tombe longobarde in alcuni scavi archeologici a Cividale. Dopo il restauro operato dal Museo archeologico nazionale locale, si decise di incentrare su questi manufatti mai esposti prima la rassegna “Aurea Crux. Sacro e mito nell’oro dei Longobardi”.

L’evento è stato presentato dai direttori del Museo civico di Lubiana e del Polo museale del Friuli Venezia Giulia, rispettivamente Blaž Peršin e Luca Caburlotto, il 4 giugno a Lubiana, in occasione della celebrazione della Festa Nazionale della Repubblica Italiana.

Durante tale circostanza, l’Ambasciatore d’Italia a Lubiana Paolo Trichilo ha insignito la dr.ssa Tamara Gruden come Cavaliere dell’Ordine della Stella d’Italia, per omaggiarla del contributo e sostegno fornito a consolidamento dei rapporti interparlamentari tra Italia e Slovenia. La rassegna funge da coronamento (ma si auspica non conclusione) ad un programma di scambi culturali iniziato nel 2017 con una mostra sui disegni di Giambattista Tiepolo, traferiti dai civici Musei di Trieste alla Narodna Galerija di Lubiana.

Il trasporto delle inedite sei croci auree dal Museo Nazionale di Cividale al Museo Civico di Lubiana è stato coordinato da MA-CO ITALIA SRL.

Informazioni:

Aurea Crux. Sacro e mito nell’oro dei Longobardi
5 Giugno > 30 Settembre 2018
Museo Civico di Lubiana, Gosposka ulica 15
Organizzato da : Ambasciata; IIC; Polo museale FVG; MAN Cividale
In collaborazione con : Mestni muzej

Collegamenti:

musei.fvg.beniculturali.it/notizie/mostre/aurea-crux-sacro-e-mito-nelloro-dei-longobardi
amblubiana.esteri.it/ambasciata_lubiana/en/ambasciata/news/dall_ambasciata/2018/06/celebrazione-della-festa-della_0.html
iiclubiana.esteri.it/iic_lubiana/it/gli_eventi/calendario/2018/06/aurea-crux-sacro-e-mito-nell-oro.html
lavoce.hr/politica/786-etnie-un-importante-elemento-di-ricchezza-e-collegamento
Istituto italiano di cultura di Lubiana: goo.gl/4HVuVJ

MTEC ITALIA è in collaborazione con Mtec Freight Group, gruppo Inglese specializzato nell'imballaggio e nel trasporto di opere d'arte e nelle grandi installazioni.

Visita il sito web per saperne di più

L'azienda è una società italiana composta da uno staff giovane e moderno in cui sono confluite esperienza, affidabilità e serietà dei professionisti che la costituiscono. Nata dal connubio tra un importante gruppo inglese e professionisti italiani.

Lo staff di MTEC ITALIA è specializzato nel trasporto di opere d'arte per musei, mostre e gallerie d'arte.

Forniamo servizi completi, "chiavi in mano", studiati su misura per ogni cliente, clicca qui e scopri di più sulla nostra attività.

Indirizzo: Via delle Macchine 29/1
30175 - Venezia (VE) - Fraz. Marghera
Telefono: 041 936717
Fax: 041 5385410
Email: info@mtecitalia.it
PEC: mtecitalia@legalmail.it

Seguici anche su:
Termini d'uso e informativa sui cookies
Chiamaci ora