Museo Civico Archeologico di Bologna, 29 marzo > 8 settembre 2019

“Ex Africa semper aliquid novi” – Plinio il Vecchio in ‘Naturalis Historia’

“in Africa sono tutti incantatori” – Erodoto

“Ciò che noi intendiamo propriamente per Africa è lo spirito senza storia, lo spirito non sviluppato, ancora avvolto nelle condizioni naturali, e di cui doveva solo farsi menzione qui sulle soglie della storia”. – Hegel, in ‘Lezioni sulla filosofia della storia’ (1830-1831)

Sono state numerose e variegate, nei secoli addietro, le opinioni esternate sul continente Africano; alcune dipingevano il lato esoterico e misterioso di questo immenso territorio come qualcosa di magico ed affascinante per il mondo occidentale, altre riducevano la cultura ancestrale a semplicistiche credenze, prive di storia e evoluzione.

Con l’interesse e l’intento di voler superare, seppur considerandoli nel loro insieme, questi molteplici punti di vista, Ezio Bassani e Gigi Pezzoli – Con il Patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e la promozione di CMS Cultura e del Comune di Bologna – hanno curato la mostra ‘Ex Africa – Storie e identità di un’arte universale’, la più grande rassegna italiana per varietà di temi affrontati mai dedicata all’Africa.

L’evento, apertosi lo scorso 29 Marzo nell’anno dei rapporti culturali Italia Africa indetto dal Ministero degli Affari Esteri e che avrà come unica sede il Museo Civico Archeologico, conta 270 opere provenienti sia da realtà museali (23) che collezioni private (28). Il concept espositivo, sviluppandosi lungo 9 sezioni tematiche, combina fino a commistionarle impressioni occidentali e realtà africana: si intrecciano così le cronache dei viaggi degli esploratori a partire dal XV secolo, le nuove frontiere della ricerca sull’arte africana, il vudu e la sacralità intrinseche nella civiltà più antica al mondo, le influenze dal continente europeo.

Non si tratta di una mostra sull’artigianato od etnografica bensì del racconto degli ultimi dieci secoli dell’identità di un paese, da sempre sensibile agli incontri e quindi propenso alla creatività ed evoluzione artistica. A coronamento del nobile progetto, L’ONU ha ritenuto questa iniziativa in linea con gli obiettivi dell’agenda per lo sviluppo sostenibile del 2030.

Le opere (che spaziano dalla centenaria produzione lignea del Mali ai bronzi del regno del Benin e dei manufatti artigianali che andavano a popolare le ‘sale delle meraviglie’ dei nobili europei agli artisti delle Avanguardie del 900) provenienti dai prestatori veneziani e vicentini sono state trasportate da Mtec Italia SRL.

 

Informazioni:

“Ex Africa – Storie e identità di un’arte universale”
Museo Civico Archeologico
via dell’Archiginnasio 2, Bologna
29 marzo – 8 settembre 2019

 

Collegamenti:

www.mostrafrica.it/
www.arternativa.eu
www.comune.bologna.it/museoarcheologico
agenda.comune.bologna.it/cultura/lang/eng/ex-africa-storie-e-identita-di-un-arte-universale
www.cmscultura.it/portfolio/ex-africa/#page-content

Dalla sezione Arte tout court
Figure de reliquaire Sango Kota, Gabon Bois, métal, cm 29 x 11 x 7 Collection privée, Belgique © Studio Asselberghs
Dalla sezione Arte tout court
Ngbaka, R.D.C. Bois, fibres, métal, cm 40 x 27 x 17 Collection privée, Belgique © Studio Asselberghs
Dalla sezione Arte tout court
Fang. Tête de reliquaire éyèma ô byéri Musée d’Ethnographie de Neuchâtel, Svizzera Alain Germond © Musée d’ethnographie de Neuchâtel, Suisse
Dalla sezione Un’arte antica
Figure DJENNÉ – JENO, Mali (A.D. 1050 – 1350) Terra cotta, height 22,5 cm Private collection, Belgium © Frédéric Dehaen, Brussel
Dalla sezione Un’arte antica
Ancestral figure SONINKE, Mali (A.D. 1040) wood, height 167 cm Private collection, Belgium © Frédéric Dehaen, Brussel
Dalla sezione Gli Avori Afro-Portoghesi
Cucchiai afro-portoghese Nigeria, cultura Edo o Owo, XVI sec, collezioni medicee avorio foto di Saulo Bambi, Sistema Museale dell'Università di Firenze
Dalla sezione Non creazione anonima ma arte di artisti
Statue MUMUYE, Nigeria wood, height 53,5 cm Private collection, Belgium © Frédéric Dehaen, Brussel
Dalla sezione Gli Avori Afro-Portoghesi
Saliera Avorio The National Museum of Denmark © Lennart Larsen, The National Museum of Denmark
Dalla sezione Arte tout court
Fertility torse figure, Bwanga Bwa Cibola Luluwa People, Central RDC, XVII century Wood, cm 20 Federico Carmignani collection, Rome ©Hughes Dubois
Dalla sezione Arte tout court
Democratic Republic of the Congo, XIX centuryWood, metal, nails, beads, fiber, raffia cloth, Heights 14 cm, 14 cm and 16,5 cmABG Collection© Hughes Dubois
Dalla sezione XX secolo: l’Europa guarda l’Africa
Man Ray, Noire et Blanche, 1926, Fotografia new print del 1980Collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi, Milano© The Museum of Modern Art, New York Scala, Florence©Man Ray Trust by SIAE 2018
Dalla sezione Arte tout court
Statue Baoulé Baoulé, Côte d’Ivoire, XIX siècle Bois, Collection privée ©Hughes Dubois
Dalla sezione: Arte africana contemporanea
Figures 1856, Geological Structure ANDRIALAVIDRAZANA Malala 2018, UltraChrome Pigment Print su carta Hahnemühle Photo Rag Ultra Smooth 110 x 140 cm courtesy: the artist and Galleria Alessandro Casciaro, Bolzano

Source: https://www.mostrafrica.it/gallery/

 

Musei prestatori:

  • Abuja, The National Commission for Museums and Monuments of Nigeria
  • Amburgo, MARKK – Museum am Rothenbaum
  • Amburgo, Museum für Kunst und Gewerbe
  • Berg en Dal, Nationaal Museum van Wereldculturen
  • Bologna, Museo Civico Medievale
  • Colonia, Rautenstrauch-Joest-Museum
  • Copenaghen, The National Museum of Denmark
  • Dresda, Rüstkammer, Staatliche Kunstsammlungen Dresden
  • Dresda, Staatliche Kunstsammlungen Dresden, Museum für Völkerkunde Dresden
  • Firenze, Museo di Antropologia e Etnologia, Sistema Museale di Ateneo, Università degli studi di Firenze
  • Firenze, Tesoro dei Granduchi, Palazzo Pitti, Gallerie degli Uffizi
  • Francoforte, Weltkulturen Museum
  • Lisbona, Museu da Sociedade de Geografia
  • Lisbona, Museu Nacional de Etnologia
  • Modena, Galleria Estense, Gallerie Estensi
  • Monaco, Museum Fünf Kontinente
  • Neuchâtel, Musée d’Ethnographie
  • Parigi, Fondation Dapper
  • Parigi, Musée du quai Branly – Jacques Chirac
  • Roma, Musei Vaticani
  • Roma, Museo delle Civiltà-Museo preistorico etnografico “Luigi Pigorini”
  • Rotterdam, Wereldmuseum
  • San Pietroburgo, Museo statale Ermitage
  • Torino, Armeria Reale, Musei Reali di Torino
  • Venezia, Museo di Storia Naturale
  • Vienna, Weltmuseum
  • Zurigo, Museum Rietberg
  • Zurigo, Völkerkundemuseum der Universität

MTEC ITALIA è in collaborazione con Mtec Freight Group, gruppo Inglese specializzato nell'imballaggio e nel trasporto di opere d'arte e nelle grandi installazioni.

Visita il sito web per saperne di più

L'azienda è una società italiana composta da uno staff giovane e moderno in cui sono confluite esperienza, affidabilità e serietà dei professionisti che la costituiscono. Nata dal connubio tra un importante gruppo inglese e professionisti italiani.

Lo staff di MTEC ITALIA è specializzato nel trasporto di opere d'arte per musei, mostre e gallerie d'arte.

Forniamo servizi completi, "chiavi in mano", studiati su misura per ogni cliente, clicca qui e scopri di più sulla nostra attività.

Indirizzo: Via delle Macchine 29/1
30175 - Venezia (VE) - Fraz. Marghera
Telefono: 041 936717
Fax: 041 5385410
Email: info@mtecitalia.it
PEC: mtecitalia@legalmail.it

Seguici anche su:
Termini d'uso e informativa sui cookies
Chiamaci ora